Fini:Siamo nelle mani di un pallone sgonfiato?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Fini:Siamo nelle mani di un pallone sgonfiato?

Messaggio  Admin il Sab 17 Apr 2010, 01:28


Noi siamo contro il nefasto Governo Berlusconi e ne auspichiamo la caduta, non daremo mai un giudizio positivo e tanto meno uno solo dei nostri voti, ma quello che è accaduto ieri nell’incontro Fini–Berlusconi, ci spinge ad alcune riflessioni. Come può l’uomo Berlusconi, uomo che (dice lui) si è fatto da solo, dipendere da uomini politici come Bossi e Fini.
A dire il vero, Bossi, ha fondato un partito e negli anni lo ha reso una vera realtà politica, Fini, con la sua faccia d’angelo e l’anima da diavolo sino ad oggi è vissuto di rendita. I denari cosi come gli immobili, accumulati in una fondazione, provengono dai sacrifici, dei tantissimi militanti del M.S.I. che attraverso l’autofinanziamento e le sottoscrizioni, nei momenti difficili hanno messo a disposizione di quel movimento le risorse necessarie a renderlo competitivo.

Quello di ieri è soltanto un altro dei tanti episodi, considerato che Fini-to continuerà con il suo disfattismo, fino a giungere all’episodio fatale.
Berlusconi ha la grave colpa d’avere raccolto un insignificante numero di traditori, i quali per il potere loro offerto, hanno svenduto una comunità ch’era stata capace di sopravivere a sessant’anni di persecuzione antifascista.

Tornando su i fatti che, si polarizzano attorno al nome (dell’ormai) Fini-to, il quale non riesce a saziare le proprie ambizioni. Solo gli imbecilli non hanno ancora capito che questo quasi sessantenne non si sazierà mai di potere, nazionalista, fascista, conservatore e perché no, comunista, purché, uomo di potere. D’altronde il vertice, o la verifica, a dir si voglia, di fatto si è trasformato in un risico che spacca il PdL nella sua componente umana, nei suoi elementi democratici, nei suoi elementi liberali, nei suoi elementi socialisti, nei suoi elementi già fascistizanti, tutte contraria ad un vero chiarimento. Il travaglio del Governo nasce dalla sua nomenclatura, che ha permesso di mischiare insieme capitalisti, borghesi e proletari, i quali vivano una politica conflittuale, una parte contro l’altra, e l’altra ancora.

Il Governo non esprime nessuna delle nostre idee, anzi, noi riteniamo doverlo lottare con la stessa intensità con cui lottiamo la sinistra-partigiana. Il PdL ha già tradito passioni e speranze, degli italiani, i quali continuo in un inesorabile dissidio.
La ragione dell’urto immane, richiama episodi del recente passato, più o meno clamorosi e che il Governo Berlusconi è destinato e risolvere soltanto con l’aiuto degli antinazionali.

L’episodio odierno non rientra nella nostra azione rivoluzionaria. Noi non parliamo di politici che insidiano oggi l’Italia, come tutte le carogne che l’appestavano ieri, tutta questa pavida gente che vuole mantenere l’Italia in un postribolo archeologico o nella attuale colonia anglo-americana. Tra noi e questa parte parassitaria della nazione, ci sono anni di civiltà della quale ancora ci fregiano. Noi siamo fieri d’essere italiani. Dell’Italia viva che sappia prende il cadavere dell’Italia di ieri e gettarlo lontano.

Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum