Tutti a casa.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Tutti a casa.

Messaggio  Admin il Ven 14 Ott 2011, 00:23



Quando i finiani tradirono il PdL, scrivemmo era utili che Berlusconi desse le dimissioni per sciogliere le Camere e andare alle elezioni anticipate, ma, l’imprenditore Berlusconi, circondato da tanti inutili, capi, politicanti, scelse di sopravivere con una precaria e non omogenea maggioranza. Il voto anticipato avrebbe permesso al centro-destra di liberarsi delle forze condizionatrice e degli inutili capi-corrente.
Da quel momento l’Italia ha subito per responsabilità di alcuni magistrati e ricchi giornalisti un attacco pianificato, permettendo agli antitaliani della sinistra di denigrare l’Italia con manifestazioni contro il governo italiano, persino, in alcuni Stati del mondo, per chiedere con un incredibile ossessione, le dimissioni dell’imprenditore divenuto politico.

Liberapresenza, riteneva e ritiene ancora utile la conclusione di questo non governo sotto scacco di banchieri e burocrati europei, oltre che di deputati corrotti che continuano a corroderlo.

Berlusconi: un politico incapace, attaccato alla poltrona di Capo di governo, costretto a chiedere, con il berretto in mano, continui rinnovi della fiducia; il voto del 14 ottobre 2011, sarà il 56° di questa legislatura.

Ci chiediamo, quale impatto sull’opinione pubblica mondiale ha avuto il comportamento della sinistra - di merda - italiana, ritorna sull’Aventino.

Quando non hanno contro proposte, sanno solo scappare dall’aula, lo hanno fatto i parlamentari antifascista nel 1924, quando lasciarono Montecitorio per contestare il voto popolare che li aveva rilegati all’opposizione, premiando la Lista Nazionale (fascisti, liberal-nazionali, nazional-popolari e destra) con il 60,09 percento dei voti assegnandogli 355, dei 535 seggi a disposizione.
Ma, come allora ci sono state delle defezioni: sei deputati eletti nelle liste del PD hanno scelto, come fecero nel 1924 una diecina di deputati, di essere presenti tra i banchi durante il discorso dell’imprenditore politico.

Il comportamento di questa sinistra, ricorda troppo il periodo dell'unità nazionale degli anni ’70, questa falsa “democrazia” nata dal vile servilismo allo straniero anglo-americano, vedeva regolarmente disertare le aule parlamentari appena prendeva la parola G. Almirante, il repubblichino che non ha mai abiurato, il quale ha ingrassato un penoso individuo nato con il genoma del traditore, quale è G. Fini-(to).

Il 13 ottobre ’11, Silvio Berlusconi si è presentato alla Camera dei deputati dicendo: “ l’Italia ce la farà, sono qui per chiedere il rinnovo della fiducia al governo di cui ho l'onore di presiede”, ha poi spiegato che il governo presenterà un nuovo provvedimento sul rendiconto generale dello Stato, quello su cui la Camera ha espresso il voto contrario l’11 ottobre scorso, aggiungendo che “non ci sono alternative al suo governo”, ricordando che se un governo perde la fiducia la parola deve tornare agli elettori.
Elettori sempre più disgustati dalla politica si asterranno, permettendo una facile vittoria alla sinistra di merda.


Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum