Solidali con il popolo iraniano, contro l’arroganza dell’occidente.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Solidali con il popolo iraniano, contro l’arroganza dell’occidente.

Messaggio  Admin il Mar 24 Gen 2012, 17:22


Mentre l‘aggressivo servitore del sionismo mondiale, si spinge con la portaerei Abraham Lincoln, nello stretto di Hormuz, pronta a colpire ulterioralmente il Popolo iraniano, al pari del comportamento che gli inglesi negli anni 30 misero in atto contro l’Italia.

Anche se il comandante Amy Derrick-Frost, portavoce della quinta flotta, di stanza in Bahrain, lo nega, la presenza dell’Abraham Lincoln, nello stretto di Hormuz, è un atto di guerra che il governo americano ha mosso contro l’Iran.

Appena un mese fa la Uss John Stennis aveva lasciato la zona, in quella occasione Teheran aveva ammonito gli Stati Uniti di non navigare più nelle sue acque territoriali, dichiarando che avrebbe utilizzato tutti gli strumenti in suo possesso affinché venisse rispettata la propria sovranità territoriale, ancor più, se fossero state approvate sanzioni economiche contro il Paese.
Sanzioni economiche, arrogantemente, imposte sia dall’U.S.A. che dall’Europa. Europa, che dopo aver adottato il congelamento dei beni di 433 società e 113 persone iraniane, imposto limitazioni alle esportazione di molti prodotti sensibili, ha deciso l’embargo totale del petrolifero, ma, solo dopo le pressioni di Washington, che in cambio ha promesso all'Europa il via libera a un massiccio intervento anti-crisi del Fmi (Fondo Monetario Internazionale), con lo scopo di colpire l’economia del popolo iraniano, i 27 paesi europei si sono impegnati a non tenere più alcun rapporto economico con l’Iran, hanno previsto la sterilizzazione di tutti i rapporti con la Banca centrale in modo da rendere complicatissimi, se non impossibili, i pagamenti da parte di soggetti iraniani di prodotti acquistati presso aziende europee, ed ancora hanno vietato di investire nell’industria petrolchimica, di produrre monete e banconote per conto della Banca centrale iraniana, come pure vendere oro, diamanti e altri metalli preziosi all’Iran.

Questa indegna decisioni, oltre ad essere stata auspicata dagli americani è stata accolta da Israele con un forte consenso, Dan Meridor, ministro dei servizi d'intelligence, ha affermato: "L’inasprimento delle sanzioni e il tono adottato dagli europei sono importanti perché fanno capire agli iraniani che non è accettabile che proseguano il loro programma nucleare".

Le sanzioni nei confronti dell’Iran colpiscono soprattutto Italia, Spagna e Grecia, i quali debbono
rinunciare alla fornitura di greggio, con condizioni molto vantaggiose, visto che per compensare la sospensione delle importazioni iraniane è Bruxelles ha raggiungere accordi con altri Paesi produttori di petrolio, in particolare con l'Arabia Saudita.

Noi Fascisti, chiediamo con forza di giungere al più presto al costo unico dei carburanti e di tutte le altre fonti d’energia.

Queste differenze non sono più accettabili!

Admin
Admin

Numero di messaggi : 777
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum