Montecarlo: Guai invista per Fini, presidente della Camera, ma quando mai!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Montecarlo: Guai invista per Fini, presidente della Camera, ma quando mai!

Messaggio  Admin il Lun 22 Ott 2012, 22:47


Un tempo si diceva che le bugie hanno le gambe corte, perché la verità si raggiunge facilmente, questo è  accaduto in questi giorni, dopo le conferme autorevoli e scottante de l’Espresso sulla vicenda che ha visto l’immondo presidente della Camera Fini, svendere la casa di Montecarlo, pervenuta in eredità  ad Alleanza Nazionale, di cui quest’essere era  fondatore e leader.

Le nuove rivelazioni  riguardanti la famosa casa di Montecarlo che nel luglio 2008 fu venduta da A.N. e finita in affitto a Giancarlo Tulliani, cognato di G. Fini, "L'acquirente formale della casa nel Principato è stato tale James Walfenzao, come dimostrato fiduciario del Tulliani.  Ora che il post Berlusconi perfino per il PdL è ufficialmente iniziato, l'Espresso riapre il caso della casa di Montecarlo.
Nell' inchiesta si rivela che nel gennaio 2008 Giancarlo Tulliani, ha utilizzato i servizi di James Walfenzao, per aprire nel paradiso fiscale di Saint Lucia, nei Carabi, una società rimasta finora sconosciuta, la Jayden Holding, che aveva come attività le compravendite immobiliari.

La scoperta di una serie di documenti inediti, sequestrati durante la perquisizione nella casa romana del latitante Francesco Corallo, e disposta nell'ambito dell'inchiesta sui finanziamenti concessi dalla BpM al proprietario del gruppo Betplus (ex Atlantis World), la stessa di cui si parlò parecchio per l'intervento del deputato Amedeo Laboccetta, che portò via un computer portatile che venne restituito ai magistrati solo quando i contenuti erano stati manomessi, dimostrano che, il cognato di Fini per truffare  militanti e iscritti di A.N., si appoggiò a James Walfenzao, lo stesso che figura come rappresentante legale della Printemps, la società di Saint Lucia che acquistò da An l'appartamento di Montecarlo.

Si tratta di una serie di fax inviati dagli uffici di Corallo allo studio di Montecarlo di Walfenzao, che è rappresentante legale del trust a cui sono intestate le quote del gruppo Atlantis. Nell'articolo, l’Espresso  sostiene che Corallo, tra marzo e giugno del 2008, "mandò a Walfenzao una copia del passaporto di Giancarlo Tulliani, una copia di quello della sorella Elisabetta e un modulo per l'apertura di un conto corrente a Saint Lucia intestato alla Jayden Holding. Nel modulo, l'effettivo titolare della società viene indicato proprio in Giancarlo Tulliani.
La società offshore di Tulliani, secondo l’Espresso, "é stata chiusa nel maggio 2011 ed era rappresentata da un legale di nome Cathy Walfenzao, con uffici allo stesso indirizzo di Montecarlo del più famoso James". Si sconoscono ulteriori operazioni  immobiliari effettuati negli anni successivi all’operazione ignobile della casa di Montecarlo, compiuta ai danni di A.N.

Noi di “Liberapresenza” facciamo nostre le spontanee dichiarazioni del Segretario Nazionale dell’Alleanza di Centro e Portavoce del Gruppo, parlamentare, Popolo e Territorio Francesco Pionati, il quale ha dichiarato: “Dopo le conferme autorevoli e scontate de l’Espresso sulla vicenda Fini-Montecarlo, il Presidente della Camera ha un bel coraggio a presentarsi ancora in aula nella veste attuale” proseguendo: “Un Presidente della Camera che non mantiene la parola è l’esempio più calzante del crollo di credibilità del sistema istituzionale”.  

Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum