Un inglese ignorante e vile, scrive:

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Un inglese ignorante e vile, scrive:

Messaggio  Admin il Dom 10 Mar 2013, 20:17


Il seguente articolo, apparso nell'edizione stampata della rivista The Spectator, in data 2 marzo 2013, dimostra quanto può essere vile l’informazione internazionale, specie se finisce sul web, infatti lo stesso articolo e stato postato sul sito http://www.spectator.co.uk/features/8854261/italys-new-duce/# subito dopo l’insuccesso dei comunisti (Pd) alle elezioni politiche del 24/25 febbraio 2013, il quale paragona sua eccellenza B. Mussolini e il Fascismo ad un (fu comunista) Grillo parlante e al suo, non, movimento 5 stelle.

Diciamo subito che chi scrive l’articolo, conosce ben poco del Fascismo, che fu negli anni, Movimento, Partito e regime, il quale nacque con un progetto preciso, alternativo al bolscevismo e soprattutto al liberalismo. Paragonare sua eccellenza Benito Mussolini a Beppe Grillo è l’insulto più grande che le merde inglesi hanno mosso al popolo italiano, specie a quanti nei secoli lì hanno fortemente combattuti. Questa merda sappia che l’Italia è formata da un mescolio di sangue per responsabilità degli eserciti Romani, i quali hanno sottomesso un immensità di popoli, all’epoca inferiori, asservendoli a Roma, gli stessi popoli che, nei secoli hanno invaso la penisola italiana, che nel 1861 subirono una finta unione, solo il Fascismo seppe unire l’Italia, ma purtroppo non il suo popolo il quale è sempre più diviso.

Il Fascismo non ha mandato mai nessuno a ‘ Vaffa !’; cosi come non è mai stato ‘contro l’Europa’. Il Fascismo voleva un’Europa Libera e Giusta, e non certo quella venuta fuori da Versailles; Mussolini era un uomo povero impegnato a restituire al, suo, popolo dell’Italia proletaria e Fascista, rispetto e prosperità, per questo sfidò la società delle Nazione, asservita al governo Inglese, per consegnare all'Italia quel posto al sole che gli inglesi gli negarono a Versailles.

Chi scrive deve spiegarci come faceva il Fascismo ad essere contemporaneamente un 'anti-partito' di spiriti liberi e una religione civile che riteneva il Duce il suo dio.

Se è vero che il Fascismo era ed è formato da molte persone venute dal popolo, è anche vero che il Fascismo fu organizzato in una struttura gerarchica, e pertanto impossibile da comparare all’attuale grillismo, ricordiamo che i militanti Fascisti morivano per mano social-comunista, mentre i cosiddetti grillini fanno solo folclore.

Il futuro, statene certi, non sarà del Grilismo ma degli antiliberali, che porteranno il popolo, loro si, al nuovo fascismo, restituendo ad esso quanto gli è stato estorto sin qui.
A colui che a scrito l’articolo su “The Spectator” diciamo, alla vergogna no c’è fine!

°°°°°°°°°°°°°°
Beppe Grillo: Italia il nuovo Mussolini

Beppe Grillo ha molto in comune con Mussolini
351 Commenti Nicholas Farrell 2 Marzo 2013
Lo stand-up commediante Beppe Grillo, come il dittatore fascista Benito Mussolini prima di lui, ha voglia di prendere in consegna la piazza e ipnotizzare la folla. Dove una volta i giovani italiani cantavano 'Du-ce! Du-ce! 'Adesso cantano' Bep-pe! Bep-pe! '. Ma non è solo una necessità comune a sbraitare e arrivare a un gran numero di perfetti sconosciuti che barbuto Beppe e calvo Benito hanno in comune. Preoccupante, per l'Italia e anche per l'Europa (dove la democrazia sembra incapace di risolvere la crisi esistenziale), c'è molto di più adesso che quello.

Beppe Grillo ha fondato il MoVimento 5 Stelle (M5S) a Milano il 4 ottobre 2009. 'V' La capitale sta per il suo slogan firma, che in linea generale "Fottiti! 'Significa' Vaffa! '- Nel suo caso, a tutto ciò che più o meno, ad eccezione di parchi eolici. 'Arrendetevi! Sei circondato! 'Urlò più e più volte ripetuto ai suoi comizi. La frase era tradizionalmente molto popolare tra i fascisti italiani. Si riferiva ai politici tutti italiani, tranne alla sua sorte.
Ora, a meno di quattro anni dopo la sua fondazione, il suo movimento è il più grande partito unico alla Camera dei Deputati, la camera bassa, dopo essere assicurato il 26 per cento del sondaggio di questa settimana l’inconcludenti elezioni generali italiane. Non è, questo insiste fascista della foresta, una festa. È un movimento. I partiti, egli è irremovibile, sono il problema, non la soluzione.

Mussolini ha fondato i Fasci di Combattimento a Milano il 23 marzo 1919 e meno di quattro anni dopo, era primo ministro. Il fascismo non è stato, ha insistito, un partito ma un movimento. I Partiti, è stato irremovibile, erano il problema, non la soluzione. Il fascismo sarebbe un 'anti-partito' di spiriti liberi che si rifiutavano di essere legato dalla camicia di forza dei partiti con i loro dogmi e dottrine. Questo è esattamente ciò che dice Grillo sul suo movimento.

Mussolini era la stella nascente nel partito marxista in Italia fino alla sua espulsione nel 1914, perché - come i marxisti francesi e tedeschi, ma a differenza di quelli italiani - era a favore dell'intervento italiano nella prima guerra mondiale. Sembrava destinato al dimenticatoio.
Grillo, un ex comunista, è stato bandito dalla televisione nazionale alla fine del 1980 a seguito delle sue performance diffamatorie. Le cose non sembravano rosee neanche per lui. Costretto ad esibirsi in piazze e teatri, ha preso a ridicolizzare e demonizzare i politici, e poi nel 2005 ha fondato un blog che è diventato rapidamente il più popolare in Italia e un forum per la rabbia e gli scontenti, per lo più giovani, per tutti coloro il cui stato della mente è definita dalla parola 'Vaffa!'. Ha iniziato debitamente Vaffa cittadino '! Day 'o' V Day 'nel 2007.
Poco prima di fondare il suo movimento, ha cercato di diventare leader in Italia del principale partito di sinistra - l'ex-comunista Partito Democratico (PD) - ma non gli avrebbe permesso di stare in le elezioni di leadership. Alle elezioni di questa settimana, la coalizione del Pd è stato un vincitore di sorta, con la maggioranza dei seggi alla Camera bassa, grazie alla recente legge elettorale italiana che dà la maggioranza dei seggi al partito con il maggior numero di voti, ma pochi. Coalizione del Pd intervistati solo 29,6 per cento dei voti rispetto al 29,1 per cento di Silvio Berlusconi di centro-destra. Ma nonostante questo, il gruppo PD ottiene 340 seggi, la sua 121.
Al Senato, però, dove si applicano regole diverse, nessuno ha la maggioranza.
Se, tuttavia, il PD aveva permesso Grillo a stare nella gara di leadership, egli avrebbe senza dubbio riportato una vittoria schiacciante. Invece ha scelto il monumentale compiaciuto e noioso ex comunista Pier Luigi Bersani.

Ma non abbiamo visto l'ultima di Beppe.
Che cosa ha dato trazione Mussolini popolare è ciò che dà trazione Grillo: un odio virulento del parlamento e dei politici che lo infestano. Il dittatore famoso ha detto che potrebbe essere spostato i suoi bivacchi in 'questa camera sorda e grigia ‘, ma aveva scelto di non farlo. Il comico usa la stessa lingua. Considerando che Mussolini diffondeva le notizie attraverso il suo quotidiano di massa Il Popolo d'Italia, ed eseguita per mezzo delle sue camicie nere, Grillo lo fa attraverso il suo sito web, Il Blog di Beppe Grillo, e violenti abusi verbali e l'ostracismo degli avversari. Considerando che Mussolini viaggiava in treno per i suoi comizi, Grillo viaggia in camper.
'Io non ho inventato il fascismo,' disse Mussolini, '. Ho estratto dal popolo italiano' Grillo non ha inventato il suo movimento, dice, solo a condizione che il humus - il forum internet - in cui è cresciuto. Durante la campagna elettorale, non è intervenuto in una trasmissione televisiva o intervista giornalistica, perché i giornalisti, come i politici, sono il nemico. Sia Mussolini e Grillo fanno appello allo spirito e l'anima, piuttosto che al portafoglio e alla mente degli italiani. Il fascismo era una religione civile e il Duce il suo dio. Il MoVimento 5 Stelle è una setta, con Grillo il suo guru, e come tutte le sette buone non ha un ufficio. Il suo quartier generale non è reale, ma virtuale: blog di Beppe.

Il fascismo italiano, anche se a nessuno è permesso di dirlo, è stato un movimento di sinistra rivoluzionario che Mussolini ha fondato, la prima guerra mondiale gli aveva fatto capire che il proletariato è più fedele alla sua nazione che la sua classe. Alle elezioni 1921 maggio generale, i fascisti avranno nel Parlamento italiano (solo 35). Eppure, appena 18 mesi più tardi, dopo la marcia su Roma, nell'ottobre del 1922, il re Vittorio Emanuele III, nominato Mussolini primo ministro.

Alle elezioni di questa settimana, nessuna coalizione, per non parlare di partito, ha ottenuto oltre il 30 per cento dei voti. Qualsiasi governo che emerge in qualche modo dalla debacle è destinato ad essere di breve durata. La storia si ripete prima come tragedia, scriveva Karl Marx, poi come farsa: la versione del comico Grillo del marzo su Roma di Mussolini potrebbe essere solo una questione di mesi di distanza.
Il fascismo è stato in grado di prosperare grazie alla impotenza e la corruzione della democrazia italiana, in particolare nei primi due decenni del 20° secolo, che ha reso incapace di affrontare una crisi esistenziale - la minaccia della rivoluzione comunista.

Nel 1945, con la caduta del fascismo e della monarchia, l'Italia tornò ad una forma aggiornata della stessa democrazia impotente e corrotto. Attraverso la paura dei dittatori, la nuova costituzione limita fortemente i poteri del primo ministro, gabinetto e presidente, e le versioni complesse di rappresentanza proporzionale ha reso impossibile per un partito di ottenere la maggioranza dei seggi.
Questo andava bene, più o meno, nei tempi del boom. Ora non più. L'Italia ha il terzo più alto debito sovrano nel mondo come percentuale del PIL, la sua economia è in recessione permanente, il proprio carico fiscale e le imprese soffocante dalla burocrazia, e il suo mercato del lavoro paralizzato da una foresta di leggi che rendono praticamente impossibile essere assunto a tempo pieno o corto.
Come per il fascismo, Grillo e il suo movimento sono fiorite grazie alla impotenza e la corruzione del Parlamento italiano di fronte alla crisi economica - la minaccia di crisi causata da l'euro.

Il non eletto professore di economia Mario Monti, che ha sostituito Berlusconi come premier in una congiura di palazzo nel novembre 2011, ha semplicemente sollevate le tasse e inventate di nuove.
Ma l'austerità non è solo l'aumento delle tasse: è tagliare la spesa. Monti non ha fatto nulla per fermare il debito mostruoso ( passata dal 120 per cento al 129 per cento). Egli non ha fatto nulla per stimolare la crescita. La disoccupazione giovanile è al 35 per cento, e la disoccupazione in totale è molto più alta di quella ufficiale 12 per cento se si contano le centinaia di migliaia di lavoratori ancora tecnicamente impiegate pagati dallo stato, ma che non lavorano.

Come il fascismo, il movimento di Grillo è essenzialmente di sinistra e in favore dello stato di ordinamento le cose - lo Stato italiano. Ma è contro l'euro e l'Europa - e la Germania in particolare.

Mussolini ha scritto il fascismo è una fondazione che è 'difficile definire'. Il fascismo non ha «statuto» o «programma» che trascende. Quindi 'è naturale' che dovrebbe attrarre 'i giovani' piuttosto che il vecchio che è probabile che rifiuta la sua 'freschezza'.
Manifesto di Grillo si chiama 'Il non statuto'. Sul suo blog dice: 'Siamo tutti giovani ... Siamo un movimento di molte persone che si uniscono dal basso verso l'alto. Non abbiamo strutture, gerarchie, capi, segretari ... Nessuno ci dà ordini.
Benvenuti nel futuro nuovo fascista.

Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum