Migrazione: affare loro, lo scrive anche “La Repubblica”!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Migrazione: affare loro, lo scrive anche “La Repubblica”!

Messaggio  Admin il Gio 19 Dic 2013, 18:41

Dopo aver promosso e difeso per anni l’arrivo dei clandestini, all’improvviso il quotidiano “La Repubblica” riporta un articolo, a firma  Alessandra Ziniti, dall’eloquente titolo: “Più ne arrivano più guadagnano.
Quel Business di 2 milioni al giorno sulla pelle dei migranti”.  

Da oggi, anche gli esseri sinistri sono informati, da una giornalista, che per loro, finalmente scrive la verità.

I migranti sono una affare  per le Coop, e le organizzazioni vicine a Comunione e Liberazione.

Comunisti e Cattolici, da anni  speculano sulla parola accoglienza, parlando di impegno del volontariato e accusando noi Fascisti (he da sempre gridiamo prima gli italiani, di razzismo.
Non sono bastati gli atti di denunzia sulla mala gestione, non sono bastate le nostre continue richieste di incentivazione della cooperazione in loco, unica possibilità per debellare l’incessante flusso di migranti sulle nostre coste, siamo stati costretti ad attendere anni, per leggere un articolo verità, su un quotidiano espressamente di sinistra.

Più volte abbiamo scritto che ad incentivare questo corposo afflusso di migranti, in molti casi sono le stesse ONG (Organizzazione Non Governativa), sulle quali quasi mai la magistratura ha inteso indagare.


La giornalista ha scritto:
“Più ne stipano in una camerata meglio è, più a lungo restano meglio è, e se sono minorenni ancora meglio, lo Stato paga di più.
Ad ogni barcone che arriva, i “professionisti dell’accoglienza” mettono mano alla calcolatrice e le cifre hanno sempre molti zeri.
Più di 1.800.000 euro al giorno: tanto, nel 2013, ha speso l’Italia per garantire l’accoglienza ai 40.244 migranti sbarcati sulle nostre coste.
Un letto, i pasti, il vestiario, i farmaci necessari e un minimo di pocket money: 45 euro al giorno è la spesa media per ogni immigrato che mette piede in uno dei 27 tra centri di accoglienza, centri di identificazione ed espulsione e centri per richiedenti asilo.
Una cifra che aumenta fino a 70 euro se si tratta di minori (8.000 quelli arrivati quest’anno) in considerazione della particolare assistenza che dovrebbe essere loro garantita.
È una torta luculliana quella che in Italia si spartiscono ormai da dieci anni veri e propri “colossi” del business dell’accoglienza: dalla Legacoop alle imprese di Comunione e Liberazione, dalle aziende vicine alla Lega alle multinazionali.
Le gare bandite dal Viminale, in genere, vengono aggiudicate con un ribasso medio del 30 per cento sulla base d’asta.
Peccato che, in ogni centro, si tengano stipati per mesi almeno il doppio o il triplo degli ospiti.
A danno delle condizioni di vivibilità di questi centri, da molti definiti lager, ma a tutto vantaggio delle tasche dei gestori.
«La ragione per cui questo avviene è che in Italia molti servizi per l’immigrazione vengono affidati sulla base di un solo principio: quello dell’offerta economica più vantaggiosa. C’è un business dell’immigrazione inaccettabile, parliamo di commesse da milioni di euro su cui molti si stanno arricchendo, dove i diritti delle persone scompaiono», denuncia Christopher Hein, direttore del Consiglio italiano per i rifugiati.
Gli aspiranti allo status di rifugiato costituiscono la fetta più ghiotta della torta.
Ecco perché quella che è diventata una vera e propria città di richiedenti asilo, il Cara di Mineo, ospitato nel “Villaggio degli aranci” prima abitato dagli ufficiali americani di stanza a Sigonella, è diventato il motore dell’economia di questa parte della provincia di Catania.
Quattromila persone di 50 etnie diverse, il doppio della capienza, fruttano al “Consorzio Calatino Terre di accoglienza” la cifra di 50 milioni di euro all’anno. Dentro ci sono tutti, da Sisifo (Legacoop) che gestisce il centro di Lampedusa, alla Senis hospes e alla Cascina Global Service (vicina a Cl), la Croce Rossa, il Consorzio Casa Solidale (vicino all’ex Pdl).
E non hanno voluto rimanere fuori dall’affare i Pizzarotti di Parma, i proprietari del complesso edilizio requisito nel 2011 ai tempi dell’emergenza Nordafrica dietro pagamento di un canone di 6 milioni di euro annui.
Ora che l’emergenza Nordafrica è finita, sono entrati anche loro nel Consorzio gestore.
Quello che Berlusconi nel 2011 presentò come un modello di accoglienza europea, adesso — stando alle denunce delle associazioni umanitarie — si è trasformato in una sorta di lager dove, solo qualche giorno fa, si è suicidato un giovane siriano in attesa del permesso di soggiorno da mesi.
Trattenere gli ospiti molto più a lungo del previsto è uno dei “trucchi” utilizzati dai gestori di molti Cara. A Sant’Angelo di Brolo, la procura ha accertato che alcuni ospiti rimasero anche 300 giorni dopo aver ottenuto il permesso di soggiorno, portando illegittimamente 468.000 euro nelle casse del consorzio Sisifo, lo stesso che si è aggiudicato l’appalto di Elmas Cagliari, del Cara di Foggia e del centro di Lampedusa da dove si calcola siano passati più di 100 mila migranti.
Due milioni e mezzo di euro è la cifra dell’appalto per la capienza ufficiale di 250 posti. Per gli ospiti in più, il Viminale paga l’extra.
E questo vale per tutti: così l’Auxilium di Potenza degli imprenditori Pietro e Angelo Chiorazzo per il centro di Bari Palese, per Ponte Galeria a Roma o per Pian del Lago a Caltanissetta incassano molto di più dei 40 milioni di euro previsti dai bandi di gara.
Da tempo hanno fiutato l’affare anche i francesi della Gepsa, specialisti delle carceri, e la multinazionale Cofely Italia, che non disdegnano l’associazione con l’Acuarinto di Agrigento o la Synergasia di Roma per gestire il Cara di Castelnuovo di Porto a Roma o al Cie di Gradisca d’Isonzo.
E a reclamare la sua fetta di torta c’è anche la Misericordia del prete-manager di Isola Capo Rizzuto che da dieci anni, per 28 milioni di euro all’anno, gestisce un Cara in cui la maggior parte degli ospiti dormono anche in dieci in vecchi container”.

I LUOGHI DELLA VERGOGNA, E DEGLI AFFARI

Mentre per la sinistra antirazzista sono affari d’oro, per la maggior parte degli italiani l’immigrazione significa la perdita del lavoro, e ulteriore sfruttamento.  

Spetta a noi fermare, sinistra e religiosi che, sempre più insistentemente  chiedono l’abolizione del REATO di  CLANTESTINITÀ. Un reato che ad oggi ostacola i loro affari.
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 848
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum