27 Gennaio 2014: un altro Giorno della Memoria.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

27 Gennaio 2014: un altro Giorno della Memoria.

Messaggio  Admin il Dom 26 Gen 2014, 20:15


27 gennaio 2014: anche quest’anno la comunità ebraica italiana ha trovato il modo di coinvolgere parte dell’opinione pubblica per ricordare questa infelice data.
Sarebbe triste dover constatare che i tre cartoni contenenti ognuno una testa di maiale siano state preparate e spedite nelle tre sedi ebraiche (Ambasciata, Museo e Sinagoga) della capitale da nostri Camerati. In vero il fatto non è credibile! Chi come noi si richiama al Fascismo non può essere cosi sciocco.
Quella spedizione, infatti, non screditerà o intimorirà i sionisti, al contrario permetterà loro ( vili, carichi d’odio) di ostentare l’ormai settantennale, falso vittimismo.

Per questo noi Fascisti alla giornata della memoria, opponiamo altri ricordi, senza stancarcene MAI, dal più recente, il martirio del Popolo palestinese, a quello più lontano. Infatti chi oggi si presenta vittima innocente dell’olocausto, già nell’antichità rappresentava una comunità violenta ed assassina, che già all’indomani dalla fuga dall’Egitto inizio ad adottare numerosi riti di idolatria e ritualità nelle quali l’assassinio di bambini e di donne aveva un posto centrale, soprattutto se queste vittime innocenti non appartenevano al proprio popolo ma a coloro che per gli israeliti erano i “Goym” (i Gentili), i non ebrei.

Non di meno alcune cerimonie venivano praticate anche fra il popolo d’Israele, il quale al suo arrivo in terra di Palestina mise e passo a fil di spada i propri avversari rei solamente di non appartenere al “popolo eletto” e quindi di non aver stipulato il patto con il Dio Unico Yawhè.

Questi stermini di massa rappresentavano autentiche cerimonie con le quali Israele offriva in olocausto al suo Dio le “nazioni impure” presenti sulla terra, a sua Gloria e Onnipotenza.

Con la costituzione della struttura kabalistica attorno ad un corpo di trattati e di editti rabbinici l’assassinio rituale era diventato un mezzo per raggiungere determinati obbiettivi esotericomagici.

Queste inaudite stragi trovato giustificazione perfino nelle sacre scritture: “Metti a fil di spada tutti i maschi, ma le donne, i bambini, il bestiame e tutto ciò che sarà nella città, tutto quanto il suo bottino, portalo via con te e goditi dei beni dei tuoi nemici che il Signore Dio tuo ti avrà data” (Deuteronomio 20, 13-14), e ancora “io manderò innazi a te il mio terrore, metterò in rotta ogni popolo in mezzo al quale tu entrerai“ (Esodo 23,27).
Per il Dio sanguinario di Israele, per Yawhè così come lo deformarono i rabbini nelle loro scritture esegetiche, il disprezzo e l’assassinio devono essere all’ordine del giorno. Secondo le disposizioni del loro Signore “Non devono essere lasciati superstiti” (Giosuè 11) quindi non deve sorprendere che un popolo che si autonomina Dio e si innalza al rango della Divinità si senti autorizzato dalla propria casta rabbinica a compiere omicidi rituali contro quelli che ritiene i Goym (i Gentili), i popoli impuri, i popoli che sarebbero stati creati solo per servire Israele.

Quanto accadde nei lontani anni 38/45, fu la conseguenza di questa onnipotenza, che porto alla scelta che il sionismo internazionale fece all’inizio del secolo scorso, mettendo le comunità e la propria ricchezza a disposizione degli eserciti anglo-americani, per combattere contro il Popolo tedesco, e negli anni avvenire anche contro il Popolo italiano.

Questo popolo, nel giorno del ricordo non può negare quanto alla luce della storia si è scritto e di cui noi riportiamo fedelmente episodi e avvenimenti tutti collegabili, in una qualche maniera, all’indole violenta del sionismo.

Il sottostante elenco potrà apparire approssimativo monotono e forse – in taluni casi – perderà il suo valore di testimonianza, ma anche questo fa parte del ricordo:

1350 circa a.C. quando gli israeliti invadono la Palestina provenienti dal Deserto Egiziano inviati da Giosuè occuperanno la città Cananea di Gerico passando a fil di spada tutti i suoi abitanti, saccheggiando e dividendosi il bottino.
1060 a.C. il re israelita Saul, seguendo le direttive del Rabbino Supremo Samuele, sterminerà un’intera tribù beduina di amaleciti. Il comandante di questa tribù verrà sacrificato dallo stesso Saul.
473 a.C. Eccidio del Purim: sotto l’egida di Mardocheo ministro di Persia, i giudei sterminano oltre 75mila fra arabi e persiani. I cadaveri di Haman e dei suoi 10 figli verranno appesi pubblicamente per tre giorni a Susa (Iran Meridionale). Ancora oggi il Purim è il carnevale che si celebra annualmente nello stato sionista d’Israele dove – attraverso rappresentazioni e ballate
popolare – il popolo ebraico ricorda l’assassinio dei suoi oppositori e onora Esther, Regina dei Giudei.
159 a.C. Judah Maccabeo, dopo aver riconquistato Gerusalemme, compie una serie di eccidi nei villaggi circostanti di Galaad, Bosor e Karmain.
145 a.C. Gionata Maccabeo, in guerra contro i capi greco-siriaci Demetrio e Apollonio, dà ordine al suo esercito di sterminare i nemici a Azot e di distruggere il tempio dei filistei presso Dagon.
63 d.C. il sommo sacerdote Anania ordina di buttare da una torre del Tempio Santiago il Minore. Il corpo verrà lapidato dalla folla dei fanatici maccabei.
A seguito di questa esecuzione inizierà una lenta emigrazione di cristiani da Gerusalemme.
66 d.C. gli ebrei in rivolta conquistano la città di Gerusalemme. Una pattuglia di romani circondata viene fatta prigioniera. I legionari che avevano trattato per aver salva la vita verranno sterminati su ordine del Sinedrio Ebraico. La città di Sebaste Samaria è posta sotto assedio e ridotta in cenere, è l’inizio della rivolta giudaica di cui parla anche l’ebreo Flavio Giuseppe.
116 d.C. le comunità ebraiche si sollevano in molte province dell’Impero: in Libia, Egitto a Cipro si susseguono i massacri. Approfittando della temporanea assenza dell’Imperatore Traiano – in guerra contro i Parti – i giudei eliminano migliaia di oppositori.
132 d.C. Il Gran Rabbino Akiba proclama Messia d’Israele l’ebreo Simon Bar Kokhbà .
Quest’ultimo dichiara guerra ai romani dando inizio alla terza rivolta giudaica contro l’Impero. Si narra che siano rimasti uccisi oltre 100mila fra cristiani, samaritani e greco-siriaci, oltre a numerosi romani.
418 d.C. il cardinale Baronio dà per primo notizie della crocifissione di un bambino cristiano per mano degli ebrei della cittadina di Hims, a nord di Damasco (Siria). Iniziano numerose segnalazioni di analoghi episodi.
508 d.C. gli ebrei di Arlès (Francia) offrono il loro aiuto ai franchi per scacciare dalla città i Goti provenienti dalla penisola iberica.
654 d.C. le leggi promulgate a Toledo da re Rscvinto affermano testualmente sulla “malvagità dei giudei che stà appestando il regno”.
711 d.C. Il vice-di Tarik occupa Cordoba fra l’esultanza dei giudei della città spagnola.
920 d.C. il re scandinavo Canuto il Grande dopo aver conquistato e sottomesso l’Inghilterra decreta l’immediata espulsione degli ebrei dal paese.
1016 d.C. un’offensiva russo-britannica sconfigge definitivamente i resti dell’esercito giudeokazaro. Dopo questa offensiva i cazari non riusciranno più a organizzare un loro stato indipendente disperdendosi per l’intera Europa Orientale.
1035 d.C. si produce un’eccidio di ebrei a Cstrogeriz, in Spagna, come reazione della popolazione cristiana alla richiesta dei prestamonete usurai ebrei di fare schiavi tutti i debitori morosi.
1096 d.C. si producono sollevazioni popolari contro gli ebrei, accusati di usura e crimini rituali in tutta Europa. A Rouen (Francia) Treviri , Spira Worms e Ratisbona (Germania):
1144 crimine rituale ebraico in Gran Bretagna. Gli ebrei che erano rientrati nell’isola da appena 80 anni sono accusati del rapimento di un bambino di 12 anni, di torture e di crimine rituale mediante armi da taglio. Membri della comunità ebraica verranno scoperti mentre erano intenti a disfarsi del cadavere.
La Chiesa Cattolica canonizzera la vittima come San Guglielmo di Norwich, 1160 gli ebrei crocifiggono un bambino cristiano a Gloucester (Inghilterra).
1171 gli ebrei crocifiggono un bambino a Blois e ne buttano il cadavere nella Loira. Interviene la giustizia di Teobaldo di Chartres. Questo, come molti altri crimini, viene riconosciuto come rituale kabalistico avvenuto durante la Pesah, la pasqua ebraica.
1179 gli ebrei crocifiggono un bambino di 12 anni, riconosciuto e canonizzato dalla Chiesa come San Riccardino, sotterrandolo nel castello di Pontoisse (Francia). I resti recuperati saranno portati a Parigi e consacrati alcuni mesi dopo.
1180 è martirizzato un bambino Rodbertus a Londra nei pressi della chiesa di San Edmondo dove viene inumato.
1189 sollevazione popolare contro gli ebrei di Londra, accusati di usura, tratta di schiavi e omicidi rituali.
1195 dopo la battaglia di Alarcos, vinta dai mussulmani, i commercianti ebrei acquistano molti schiavi cristiani per rivenderli ad alto prezzo sui mercati del Medio ed Estremo Oriente.
1213 Alfonso VIII° riconosce nel proprio testamento un debito di notevoli quantità d’oro con l’ebreo Aben Susa.
1229 Gregorio IX° scrive al vescovo di Burgos, Maurice, perché sia messo un freno alle attività usuraie dei prestamonete ebrei.
1236 durante la notte di natale alcuni sconosciuti rapiscono tre bambini vicino a Fulda (Germania). I tre piccoli cadaveri saranno ritrovati privi di sangue alcuni giorni più tardi. I cadaveri dei tre bambini saranno posti nella Chiesa di Hagenau come relique.
1239-40 disordini e sommosse popolari a Londra e Norwich contro le comunità ebraiche.
1247 durante la pasqua una bambina i 2 anni scompare a Valrèas (Francia) il corpo verrà ritrovato in un fossato con vistose ferite su tutto il corpo. L’ultimo posto dove la bimba è stata vista è una strada abitata da numerosi commercianti ebrei. Gli ebrei ammetteranno le loro colpe. Da mezza Europa le comunità ebraiche rimetteranno la decisione al papa Innocenzo IV° che esorterà il clero a vigilare ma allo stesso modo a giudicare con equità e
misericordia.
1250 Moises Albayluz sequestra un bambino di 7 anni chiamato Domingo , figlio del notaio Sancho del Val e di sua moglie Isabel. Il bambino è consegnato alla comunità israelita di Saragozza che – dopo averlo appeso con alcuni chiodi ad una parte – gli forano il ostato con una lancia in spregio a Cristo. Albayluz confermerà la matrice ebraica del delitto. Il bambino verrà canonizzato come San Domenichino del Val dalla Chiesa Cattolica.
1255 gli ebrei di Lincoln (Inghilterra) catturano un bambino di 8 anni sottoponendolo alla stessa tortura che patì Gesù secondo i Vangeli: venne frustato, incoronato con spine, chiamato falso profeta e infine crocifisso e trafitto da una lancia. Già morto gli verranno strappate le viscere. Il cadavere verrà scoperto in fondo ad un pozzo di proprietà di un ebreo tale Copinus. Quest’ultimo ammetterà la propria responsabilità raccontando gli orribili
particolari del crimine rituale.
1256 un bambino inglese viene ucciso e torturato dagli ebrei di Londra secondo quanto scrive Cluverius nel suo ‘Epitome Historiae’.
1283 un bambino di Mainz viene consegnato dalla propria madre, usurata, agli ebrei. Verrà ucciso secondo quanto riporta il card.Baronio e secondo ‘Gli Atti di Colmar’.
1284 una donna di religione ebraica viene sorpresa mentre sequestra un bambino a Monaco di Baviera. Confesserà che voleva sacrificare il bimbo nella sinagoga. Confesserà inoltre particolari inquietanti, compreso di aver già sequestrato e ucciso – assieme ad alcuni ebrei kabalisti – un altro bambino. Condurrà gli inquirenti su luogo dove verrà dissotterrato il cadavere di quest’altro martire. Alla notizia un moto antiebraico si sviluppa in molte zone della Germania, a Monaco la locale sinagoga è data alle fiamme
1285 un bambino di 14 anni impiegato presso alcuni ebrei a Oberwesel (Germania) durante la pasqua ebraica viene torturato e dissanguato lentamente nello spazio di tre giorni. I cittadini a conoscenza del fatto incendiano la case degli ebrei locali.
1286 gli ebrei di Berna (Svizzera) torturano e dissanguano un bambino chiamato Rudolph in coincidenza con la pasqua ebraica. Il senato della città decreta l’espulsione di tutti gli ebrei e vara l’ordinanza per tutti gli ebrei in transito nella città a non risiedere entro le mura dal tramonto all’alba.
1287 Argun Khan, sovrano mogol dell’Oriente Medio, nomina l’ebreo Sad el Daula primo ministro. Opprimerà con balzelli e tasse inique le comunità islamiche della provincia iraniana di Tabriz.
1290 Edoardo il Plantaginese decreta l’espulsione di tutti gli ebrei dalla Gran Bretagna. Vi ritorneranno soltanto a seguito delle armate del protestante Cromwell.
1292 Un bambino viene sacrificato a Colmar in Germania.
1294 gli ebrei di Berna (Svizzera) sacrificano un bambino cristiano.
1303 Nella località di Wanssee il corpo di un bambino viene ritrovato pochi giorni dopo la pasqua ebraica completamente dissanguato. L’episodio è citato dal cardinale Baronio e dagli annali di Colmar.
1304 Alcuni ebrei di Praga sequestrano e uccidono un domestico cristiano. Il povero sventurato dopo esser stato appeso ad una croce, viene colpito ripetutamente e infine ucciso.
1307 le popolazioni d’Aragona protestano inutilmente contro le frodi e gli abusi commessi dai giudei. Nel frattempo, nel Regno di Castiglia , il re Ferdinando IV°, minaccia i canonici della cattedrale di Toledo i quali cercano di annullare i debiti usurai dei propri parrocchiani contratti con gli strozzini ebrei.
1320 A Le Puy (Francia) un bambino viene ucciso dagli ebrei. Alcuni asseriscono si tratti di un crimine rituale.
1321 Gli ebrei uccidono a Annecy (Francia) un sacerdote cattolico. Filippo il Bello decreta l’espulsione immediata di tutti gli ebrei da questa città.
1330 a Uberlingen nel ducato di Baden (Germania) viene trovato morto con numerose incisioni un bambino.
1345 un bambino di nome Einrich viene dissanguato a Monaco (Germania) secondo le citazioni di padre Rader e degli storici Desportes e Monniot.
1346 Vicino al monastero di San Sigisberto a Colonia (Germania) alcuni ebrei sequestrano un collegiale e lo uccidono spietatamente.
1347 Moto popolare contro gli ebrei di Barcelona: 20 morti.
1357 Inizia la guerra civile spagnola dove un ruolo preponderante lo avranno gli istigatori ebrei.
1366 intervento inglese nella guerra civile e podrom antisemita a Miranda dell’Ebro.
1413/15 il papa Benedetto XIII° proibisce agli ebrei la lettura del Talmud ordinando nuove disposizioni contro l’usura.
1415 a Ceuta gli ebrei locali aiutano i portoghesi a conquistare la città tradendo il re del Marocco.
1426 il Vescovado di Colonia (Germania) ordina l’espulsione degli ebrei dalla città.
1429 nel Wurtenberg un giovane studente svizzero impiegato presso alcuni ebrei viene torturato da alcuni di loro.
1452 a Savona in Italia nove ebrei uccidono un bambino di 2 anni per soffocamento. Il cadavere verrà ritrovato dissanguato.
1453 gli ebrei di Breslau (Slesia in Germania) uccidono un bambino cristiano.
1454 due ebrei sequestrano un bambino cristiano nel regno di Castiglia. Dopo avergli strappato il cuore utilizzeranno il sangue per un rituale kabbalistico.
1462 Omicidio rituale di Rinn, vicino Innsbruck (Austria>) un bambino cristiano viene ucciso e il corpo straziato dagli ebrei locali. Andreas da Rinn verrà beatificato nel 1755 con una bolla papale in cui Benedetto XIV° riconosceva la natura rituale dell’assassinio del piccolo Andreas.
1468 Durante il Venerdì Santo alcuni ebrei di Sepulveda crocifiggono una donna cristiana.
1469 nel ducato del Baden alcuni ebrei sono condannati con l’accusa di omicidio rituale.
1475 Omicidio rituale di Trento in Italia dove, vittima è il piccolo Simone di 2 anni e mezzo. Il piccolo viene circonciso, evirato e infine ucciso, Si calcola che il supplizio del piccolo durerà almeno 1 ora. Dopo aver tentato di occultarne il cadavere in un fiume gli ebrei verranno scoperti e ritenuti colpevoli.
1476 Gli ebrei di Regensburg (Germania) assassinano sei bambini tedeschi. 1480 due crimini rituali in Italia: uno a Treviso e uno a Motta di Livenza (Tv) .
1485 un bambino chiamato Lorenzo viene sacrificato dagli ebrei di Vicenza in Italia
1490 omicidio rituale a La Guardia in Spagna. Un bambino di 4 anni viene crocefisso e ucciso da alcuni ebrei.
1491 riconquistata l’intera Spagna al cristianesimo i re cattolici decideranno l’espulsione di massa di tutti gli ebrei dalla penisola o la conversione forzata. Molti ebrei seguiranno Cristoforo Colombo nel suo avventuroso viaggio in America , altri andranno in Marocco i più arriveranno in Italia dove – nel XVI° secolo – la città di Livorno resa ‘città aperta’ dai Granduchi de Medici e autentica ‘Sion’ del popolo eletto
1494 Ventiquattro ebrei sgozzano un cristiano nella città magiara di Tyrnau. Dopo averlo dissanguato raccoglieranno il sangue in varie bottiglie per utilizzarlo per rituali kabalistici.
1495 Su pressione dei re spagnoli anche Manuel di Portogallo decreta l’espulsione di tutti gli ebrei.
1509 gli ebrei di Bosingen in Germania uccidono un bambino cristiano.
1510 il rabbino Mosch, il macellaio kosher Jacob e altri due ebrei assassinano crudelmente a Berlino un bambino cristiano acquistato da alcuni stranieri.
1520 si verificano due nuovi crimini rituali a Biring e nuovamente a Tyrnau (Ungheria).
Le macabre scoperte provocano l’espulsione immediata di tutti gli ebrei dalle due città magiare.
1540 a Sappenfeld in Germania un paese del Palatinato, viene ucciso un bambino di 4 anni e portato vicino Ingolstadt, in questa città verrà ritrovato il cadavere cosparso di ferite in ogni parte del corpo.
1547 nella località di Rava o Raw (Polonia) due ebrei crocefiggono il figlio di
un’artigiano cristiano. I due assassini sono condannati a morte e tutti i loro
correligionari costretti a lasciare la cittadina polacca.
1569 un’ebreo tale Jacob di Leipzig (Polonia) assassina a Witow un bambino cristiano.
1570 Joacquin II°, Grande Elettore del Brandeburgo, viene avvelenato da un ebreo con il quale collaborava.
1573 un bambino berlinese viene assassinato dagli ebrei.
1574 L’ebreo Joachin Smierloweicz uccide a Punia (Lituania) una bambina cristiana di 7 anni chiamata Isabel.
1592 omicidio rituale su un bambino di 7 anni a Vilna in Lituania.
1595 a Poznan in Polonia un altro bambino cristiano viene martirizzato da alcuni ebrei.
1596 a Szydlow in Polonia viene usato il sangue di un bambino cristiano per
consacrare la nuova sinagoga.
1602 a Verona un ebreo viene accusato di aver ucciso un bambino cristiano.
1650 Notizie di un’omicidio rituale avvenuto a Caadeu ,
1654 i portoghesi riconquistano Permanbuco in Brasile nonostante il sostegno che i 5mila ebrei sefarditi hanno dato agli olandesi.
1655 Il capo ebreo olandese Manasse ben Israel ottiene dal condottiero puritano Cromwell il ritorno degli ebrei sull’isola. Inizierà il declino dell’Olanda e l’espansione coloniale britannica.
1660 L’alawita Murey al Rashid inizia la persecuzione degli ebrei nel Marocco. Dopo aver eliminato il loro leader ben Mechàl, rabbino della regione di Taza e tiranno della città di Fez, molti ebrei sono allontanati con la forza.
L’eliminazione di ben Machàl viene ricordata come una festa popolare e
tradizionale.
1665 Gli ebrei di Vienna (Austria) uccidono una donna cristiana dopo averla
torturata. Il cadavere è recuperato senza testa.
1669 Nel villaggio francese di Glatigny , tra Metz e Boulay, un bambino di 3 anni viene sequestrato dall’ebreo Rafael Levi che lo sacrifica
1675 Un bambino di 4 anni a Miess (Rep. Ceca) viene ucciso dagli ebrei del posto.
1684 nella città polacca di Grodno omicidio rituale contro un bambino di 4 anni.
1694 La corte d’appello di Praga (Boemia) condanna alla pena capitale gli ebrei Lazar Abel e Lobel Kurtzandel per aver assassinato il figlio di Abel deciso a convertirsi al cristianesimo.
1743 Gli ebrei uccidono a Kiev (Ucraina) un bambino di 3 anni di nome Adam
Studzinskj durante il Venerdì Santo. Il bambino viene assassinato e
dissanguato. Verranno ritrovate ampolle di vetro con il sangue del piccolo
martire.
1764 un bambino ungherese di 10 anni scompare a Orkul. Il corpo completamente ricoperto di ferite viene ritrovato dopo alcune settimane. Tra le ferite compare una scritta in caratteri ebraici.
1791 Nel villaggio di Tasnad in Transilvania viene ritrovato un cadavere di un
ragazzo di 13 anni, Andres Takals, che aveva vissuto fino a quel momento
con un locandiere ebreo di nome Abraham. Durante l’inchiesta i coniugi
Abraham cadono in numerose contraddizioni. Alla fine verranno riconosciuti
colpevoli
1792 Sotto il regno del Sultano Selim III° viene scoperto il cadavere di un giovane cristiano nel quartiere di Pera a Istanbul completamente dissanguato e appeso per i piedi.
1803 Un vecchio ebreo di Sugheneheim, di nome Hirsch, sequestra un bambino di 2 anni a Buchof (Germania) vicino Norimberga. Il corpo del bambino viene ritrovato con la testa, la lingua e numerose ferite sul resto del corpo.
1804 Un ebreo di Ermreuth viene colto in fragranza dalla polizia mentre sequestra un bambino cristiano di 4 anni.
1810 Una venditrice ambulante cristiana scompare nel quartiere ebraico di Aleppo (Siria). Viene accusato dell’assassinio l’ebreo Rafael Ancona. La voce popolare pretende che il sangue sia stato estratto per creare elementi magico-kabalistici a fini rituali.
1812 Tre ebrei sono condannati a morte per lo strangolamento di un bambino greco sull’isola di Corfù.
1816 Un’operaio di Grodno (Polonia) denuncia la scomparsa di sua figlia Mariana Adamowicz di 14 anni. Il suo corpo apparirà tre settimane dopo
orrendamente mutilato.
1823 Un bambino di nome Fedor, 3 anni, scompare a Welish nel Distretto di
Witebsk (Polonia).
1826-27 Due casi di omicidi rituali avvengono in Polonia nella zona attorno a
Varsavia.
1827 Streicher cita l’assassinio di un bambino polacco a Vilnius in Lituania.
1829 Una ragazza mussulmana scompare a Hanna (Turchia) il corpo viene ritrovato mutilato orrendamente.
1830 La figlia del comandante della Guardia Imperiale di San Pietroburgo (Russia) viene assassinata.
1834 Nella città di Tripoli (Libia) gli ebrei uccidono dissanguandolo un
commerciante cristiano.
1840 Omicidio rituale contro padre Thomas, missionario dei cappuccini a Damasco (Siria). Condotto da un suo amico ebreo in una casa del quartiere ebraico verrà seviziato, decapitato e dissanguato. Il suo inserviente , un’arabo di nome Ibrahim, andato a cercarlo subirà analoga sorte.
1852-53 A Saratow (Russia) scompaiono due bambini nell’arco dei mesi di dicembre e gennaio. I corpi verranno poi recuperati nel fiume Volga.
1865 Una adolescente di nome Isabel Schutte viene assassinata in maniera orribile a Enninger (Germania).
1876 Nel villaggio di Szalacs (Ungheria) due bambini vengono uccisi da alcuni ebrei.
1878 A Kutais (Georgia) una bambina di 6 anni viene uccisa da alcuni commercianti ebrei. Il cadavere viene ritrovato dissanguato.
1879-81 Tre omicidi rituali nelle località ungheresi di Budapest e Kasnau durante l’approssimarsi della pasqua ebraica.
1880 A Lutscha in Austria nella regione della Galizia una cameriera polacca di nome Franczisca Mnich, incinta del suo padrone ebreo Mosè Ritter, viene da quest’ultimo assassinata aiutato dalla moglie e da un altro correligionario
1881 Un bambino della comunità copta di Alessandria d’Egitto muore a causa delle ferite che gli infliggeranno alcuni ebrei. Il cadavere dissanguato verrà ritrovato sulla costa.
1882 Una ragazza di 14 anni viene uccisa nella sinagoga di Tisza Essler. Il fatto notissimo nell’Europa danubiana per parecchi mesi occuperà le cronache dei principali quotidiani di lingua ungherese. Ester Sljmosi sarà rinchiusa e quinditrucidata da alcuni ebrei nella loro sinagoga. Il corpo non verrà che ritrovato privo di testa e braccia alcune settimane più tardi.
1883 Due omicidi rituali a Pera e Galata nell’Impero Ottomano. Le vittime sono due bambini greco-cattolici.
1884 A Sturz nella Prussia occidentale (Germania) viene scoperto il cadavere di un ragazzo di 14 anni. Il ragazzo è stato dissanguato.
1888 A Breslau (Slesia) uno studente candidato a diventare rabbino , Max
Bernstein, opererà una sorta di sequestro e di pratica rituale su un bambino
estraendogli delle gocce di sangue dai genitali. Il bambino riferirà l’episodio al padre. L’intera comunità ebraica della Slesia posta sotto accusa lancerà una violenta campagna diffamatoria contro il giudice che intendeva procedere per crimini rituali. Bernstein verrà condannato a 3 anni. Tutti i principali
quotidiani austriaci riporteranno il caso. Viene citato anche da ‘Libre Parole’ e
dal cattolico ‘La Gazzette de la Croix’.
1889 Un bambino di 5 anni viene ritrovato cadavere a Xanren in Renania. 1890 Omicidio rituale a Polna in Boemia dove una ragazza di 19 anni viene
ritrovata con la testa fracassata.
1900 A Konitz in Prussia orientale (Germania) un ragazzo di 18 anni viene ucciso da alcuni ebrei in una macelleria kosher.
1908 a Nazareth negli Stati Uniti, Pennisilvania, l’ebreo Bachman – capo di una setta pseudo-mistica chiamata “I Cacciatori di Satana” – sacrifica la piccola Irene Smith, perché nata dal matrimonio della sorella con un cristiano
protestante.
1911 Uno studente ucraino di 13 anni viene assassinato da varie persone all’interno dell’ospedale israelitico di Kiev. Il ragazzo sarebbe stato violentato,
malmenato e trafitto con alcuni coltelli affilati. Vennero perforati polmoni,
nuca, schiena e cuore. Morì per un’emorragia.
1918 L’intera famiglia reale di Russia, lo zar Nicola II° Romanov, sua moglie e tutti i figli sono massacrati dalla Ceka (commissione sovietica anti-reazionaria) di Ekaterimburg condotta dall’ebreo Jankel Jurowsky. Tutti i principali responsabili della Ceka autorizzata all’esecuzione sommaria della famiglia reale erano di origini ebraiche. Secondo quanto riporta la pubblicazione sionista “L’Universe Israelite” del 7 Gennaio 1921, si sarebbe trattato di una vendetta consumata scientemente per vendicare i correligionari assassinati durante il regime imperiale. Molto probabilmente l’eccidio avvenne durante la festa ebraica di Purim.
1919 Durante un’orgia a Pietroburgo, l’ebreo Rapoport, direttore della
Sez.Farmaceutica del Commissariato della Sanità, assieme ad altri leader
bolscevichi violentano e uccidono alcune ragazze appartenenti all’alta nobiltà
russa.
1920 Il principe tedesco Von Thurn und Taxis, la contessa Hella Von Westarp e altri cinque esponenti della Loggia Germanica “Thule Gheselschafft” sono
assassinati a Monaco di Baviera per ordine dei commissari ebrei Axelrod,
Levine e Lieven.
1921 In Ungheria il Governo dei Soviet è in mano agli ebrei Bela Khun , e Joszef Pogany, premier il primo e min. della Difesa il secondo. Un centinaio di contro-rivoluzionari verranno assassinati a colpi di baionetta su un treno
piombato diretto verso il sud del paese, Dell’episodio si occupano alcune
riviste nazionaliste. Il treno di Szamuelj resterà tristemente famoso in tutta
l’Ungheria meridionale come il treno della morte.
1922 Due universitari ebrei Leopold Nathan e Richard Loeb sequestrano un
bambino di 14 anni a Chicago (USA). Verrà ritrovato un’anno più tardi mutilato.
1927 Omicidio rituale a Breslau su due fratellini, ritrovati mutilati dei genitali e
privi di sangue.
1928 Durante la notte tra il 22 e il 23 marzo (Purim) viene martirizzato lo studente Helmut Daube di 20 anni a Gladbeck nella Westfalia in Germania. Il suo corpo verrà ritrovato in mezzo ad una strada con i genitali lacerati e il collo spezzato.
La stampa controllata dagli ebrei afferma trattarsi di un delitto commesso in
ambienti omosessuali. La relazione omosessuale tra la vittima e un sospettato non viene provata mentre le lobbye ebraiche eserciteranno una fortissima pressione per far deviare l’attenzione da quello che sicuramente si trattava di crimine rituale.
1932 Assassinio di un’inserviente cristiana a Paderborn in Germania ad opera di due macellai kosher Moritz e Fritz Meyer.
1936 Un commando di sionisti assassina Guglielmo Gustloff capo della colonia tedesca dell’NSDAP in Svizzera. Il governo di Zurigo anziché sciogliere le bande sioniste decide lo scioglimento del partito nazional-socialista in Svizzera.
1937 Su istigazione della sua amante ebrea, Elena Lupescu, il cui nome è in realtà Marta Wolf, re Carlo di Romania decide l’assassinio di Cornelio Zelea
Codreanu. Il leader del movimento nazional-fascista rumeno delle “Guardie di
Ferro” è assassinato nella propria cella e assieme ad altri 13 collaboratori
cremato e sotterrato in una fossa comune in un bosco vicino Jilava o Jilau.
1940 L’ebreo Theodore Kauffman pubblica il suo libello razzista “La Germania deve Morire” nel quale viene minuziosamente spiegato come, impiegando circa 20mila medici, si potrebbe arrivare alla sterilizzazione di tutte le donne tedesche in pochi mesi.
Kauffman appartiene all’establishment sionista di Harry Morghentau, segretario del Tesoro Usa, e braccio destro del presidente Roosvelt sospettato di origini ebraiche.
Sono numerose le testimonianze che, in tempi recenti, parlano di crimini pseudo-rituali il cui riscontro non è appurabile con quelli di matrice ebraica. Certamente è un dato appurato invece come, per fare un solo esempio alcuni assassini di massa compiuti dai sionisti sarebbero avvenuti in coincidenza con la festività ebraica del Purim (come per esempio l’eliminazione dei gerarchi nazional-socialisti dopo il processo di Norimberga), così come confermerebbero dagli eccidi di Sabra e Chatila e quello di Caana nel sud Libano alcuni anni fa.

Admin
Admin

Numero di messaggi : 777
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum