Carabinieri: da due secoli Fedeli!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Carabinieri: da due secoli Fedeli!

Messaggio  Admin il Gio 10 Apr 2014, 19:03


In tutti i tempi e in tutto il mondo, come la storia ci insegna, la società umana – sotto qualunque regime costituita – ha sentito sempre il bisogno di una forza che la garantisse; cosi in Italia, dopo la fine del dominio di Napoleone Bonaparte, questa forza è stata costituita dall’Arma dei Carabinieri Reali, cosi chiamata perché armata di carabina e creata dall’iniziativa di un Re, a difesa della Monarchia.

Il Re, che fondò il Corpo dei Carabinieri Reali, fu Vittorio Emanuele I di Casa Savoia, il quale – con Reggio Decreto in data 13 luglio 1814 – lo istituì – per la custodia della Monarchia  e delle sue leggi, a tutela dell’ordine nelle province degli Stati Sabaudi.
Ripartito originariamente, nel territorio piemontese, su 7 divisioni, il Corpo andò, a mano a mano, accrescendosi, fino a comprendere, dopo la costituzione del Regno d’Italia, 13 legioni territoriali ed una allievi, ed assumendo, nel settembre 1873, il nome di Arma dei Carabinieri Reali.
Attraverso successive parziali modifiche, L’arma durante il Governo FASCISTA  ha assunto una posizione di vigilanza e garanzia verso quello che negli anni si dimostrò un vile monarca. I Carabinieri del Re si elevavano a custodi oltre che delle leggi a tutori dell’ordine pubblico e moderatori di tutte le tendenze politiche nelle varie vicende sociali, dovunque, nelle città grandi e piccole e nelle campagne, nelle varie circostanze della vita pubblica.

I Carabinieri, nei secoli di vita agitatissima dell’Italia col sacrificio di un’infinità di martiri noti e sconosciuti, si sono circondati di fulgida gloria, dando costante esempio di valore e di altruismo, nel compito della loro missione “Nei secoli Fedeli”, al Re!

Infatti, il comando dell’Arma dei Carabinieri non perdeva occasione per contrapporsi  ai Volontari della Milizia FASCISTA divenuta oltre che forza di difesa nazionale anche presidio d’Ordine Pubblico Territoriale. Nonostante questo il Governo FASCISTA teneva in grande considerazione ogni singolo Carabiniere, ancora oggi la comunità FASCISTA  rende onore all’Arma dei Carabinieri nonostante si sia resa  responsabile del tradimento del Governo FASCISTA col  disonorevole arresto di Benito Mussolini, per devozione verso il vile monarca.      

Il 13 luglio 2014, ricorre il duecentesimo anniversario della costituzione dell’Arma dei Carabinieri, noi di liberapresenza per l’occasione pubblichiamo le copertine dei Calendari Storici, ricordando agli italiani che, come è accaduto per moltissime altre iniziative anche la pubblicazione del Calendario Storico dei Carabinieri ebbe inizio nel ventennio Fascista  ed esattamente nel 1928, VI anno dell’Era FASCISTA, iniziativa che all’epoca, aveva lo scopo di ricordare a tutti gli italiani, l’importante funzione che l’Arma svolgeva.

Il poeta Gabriele D’Annunzio cosi disse dell’Arma: << È l’Arma della fedeltà immobile e dell’abnegazione silenziosa, l’Arma che, nel folto della battaglia e di qua dalla battaglia, nella trincea e sulla strada, nelle città distrutte e nel camminamento sconvolto, nel rischio repentino e pericolo durevole, dà ogni giorno eguali prove di valore, tanto più gloriosa, quanto più avara le è la gloria >>.

Due secoli trascorsi, nel bene o nel male, che noi FASCISTI ricordiamo con i sottostanti  dettati mussoliniani: << Ogni giorno i carabinieri documentano con il sacrificio della vita quanto sia in essi profondo il senso del dovere e austera la disciplina che in ogni atto li guidi>>.
<< Il carabiniere è lo strumento formidabile e sicuro attraverso cui, in ogni contingenza, giorno per giorno, l’uomo umile ed il potente possono vedere realizzati a beneficio della superiore armonia sociale, la volontà e l’imperio dello Stato>>.

Uno Stato che, il FASCISMO volle forte, questa falsa “democrazia” ha reso servo.  
.  



=====================================


Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum