L’altra Predappio, “Il giovane Mussolini”

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L’altra Predappio, “Il giovane Mussolini”

Messaggio  Admin il Dom 21 Set 2014, 23:39


In questi ultimi anni i fascisti che si sono recati in pellegrinaggio a Predappio sulla tomba di B. Mussolini, si è dovuto scontrare con innumerevoli soverchieria imposte dalle perenni amministrazioni comuniste.

Con l’arrivo di Matteo Renzi alla segreteria del Pd sembra che qualcosa sia cambiato ma, nei fatti tutto è rimasto vergognosamente uguale, tanto che, la prima mostra dedicata a <> (1883 – 1914) allestita nella sua casa natale, organizzata dal Comune di Predappio guidato dal sindaco (di sinistra) Giorgio Frassineti, se pur documenta con materiali spesso inediti, opuscoli, giornali, lettere, foto e ritratti, nasconde la vera storia del giovane Mussolini, cosi come nasconde i suoi trascorsi nella famiglia del socialismo dall’inizio Novecento, fino alla direzione del’Avanti (1912), ponendo in risalto, solo, l’espulsione dal partito socialista (1914).

Tra i curatori di questa  iniziativa c’è l’ex  sindaco di Forlì Roberto Balzani, (fondatore del Pd, storico e candidato alle primarie del centrosinistra per la presidenza delle Regione Emilia Romagna) il quale da docente universitario di Storia contemporanea all’Alma Mater, ha affermato: «Non ho nessuna paura di essere criticato a sinistra e non ho nessun timore di tipo ideologico», «Sono un antifascista ma sono anche uno storico abituato a giudicare sulla base dei documenti. Organizzare una mostra del genere è un’operazione banale dal punto di vista culturale ma, me ne rendo conto, non da quello simbolico. Io credo che si debba iniziare a guardare a Mussolini e al fascismo come a un argomento sedimentato, non dico come si guarda a Carlo Magno, ma con un certo distacco. Di acqua sotto i ponti ne è passata tanta».
Balzani ha spiegato: <>
Questa mostra poteva servire alla sinistra  per dimostrare che i tempi sono maturi  per raccontare in modo più laico il Novecento, dimostrando come dice Balzani che è,  <>. <>

La mostra è visitabile fino al 28 settembre 2014.

Ricordiamo ai Camerati che questa mostra è un primo passo, storico, verso il fondatore del Fascismo proposto dalla sinistra, purtroppo esso continua a rappresentare un volgare espediente per insistere nella falsificazione delle verità. Per questo affermiamo, è meglio continuare a non visitarla.

Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum