Un altro regalo al pregiudicato Berlusconi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Un altro regalo al pregiudicato Berlusconi

Messaggio  Admin il Mar 03 Feb 2015, 22:11


Mentre chi è stato condannato per reati commessi in un momento di disperazione e di bisogno resta carcerato, al potente Silvio Berlusconi, il magistrato anziché sottrargli il patrimonio, gli concede un ulteriore sconto di pena.

Dopo che è stato condannato definitivamente nell’agosto 2013 a quattro anni di carcere, ridotti a uno per effetto dell’indulto, per aver, occultato al fisco 7,3 milioni di euro negli anni 2002 e 2003 (e altri 6,6 milioni nel 2001 cancellati dalla prescrizione), falsando  i bilanci Mediaset a proposito dei diritti tv, Berlusconi ha ottenuto dai giudici un trattamento che nemmeno le leggi ad personam  gli avevano garantito. In fatti  prima hanno prolungato le indagini all’infinito, permettendo che giungesse in parte la prescrizione, subito dopo la condanna i giudici di sorveglianza hanno deciso di non mandarlo né in carcere né agli arresti domiciliari concedendogli invece l’affidamento in prova  ai servizi sociali, servizio da svolgere tra i vecchietti dell’istituto Sagra Famiglia di Cesano Boscone.

Per ultimo, il giudice di sorveglianza Beatrice Crosti ha deciso di accettare la richiesta di sconto di pena avanzata dai legali del condannato Silvio Berlusconi, riducendo la stessa di ulteriori 45 giorni, nonostante il parere negativo espresso dai magistrati dell’esecuzione penale, i quali ritenevano che non vi era un giustificato motivo per concedergliela,  visto il suo comportamento di questi mesi, in cui non ha smesso di attaccare i magistrati e di inveire contro la condanna.

Così l’ex presidente del Consiglio se la caverà con 42 venerdì, quattro ore ogni volta per un totale di 168 ore trascorsi con i suoi coetanei, dal maggio 2014 al 8 marzo 2015 (festa della donna), giorno in cui ritorna un uomo totalmente libero, anche se continuerà ad essere incandidabile grazie alla legge Severino, almeno fino a quando l’attuale presidente del Consiglio Renzi, non riproporrà il decreto  sulla frode fiscale che “salverà l’amico Silvio” azzerandone la condanna.

I giudici avevano scritto nella sentenza: “le maggiorazioni di costo realizzate negli anni” dal sistema offshore Mediaset sono di almeno “368 milioni di dollari”. Il potente Berlusconi, di fatto per ogni ora di servizio sociale svolta presso l’istituto della “Sagra Famiglia” ha “sanato” la sua frode fiscale per 2 milioni e 190mila dollari. Considerando invece soltanto i 7,3 milioni di euro scampati alla prescrizione, sono poco più di 43mila euro all’ora, conveniente? NO!

Questo accade nel contempo in cui l’attuale regime manda in galera  i Fascisti per reati d’opinione, o per aver alzato il braccio al cielo in segno di saluto, come  per secoli hanno fatto i romani, e ancor più ai non garantiti.    

Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum