Contro ogni opposizione i Fascisti devono riconquistare il diritto di esistere.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Contro ogni opposizione i Fascisti devono riconquistare il diritto di esistere.

Messaggio  Admin il Ven 11 Set 2015, 00:56


La prepotenza dei traditori dell’Italia, deve alimentare nei Camerati il coraggio della sfida.

Ancora una volta cercano di impedire ai Patrioti di commemorare gli Italiani che non si sono venduti  e per questo sono  morti.

Le MERDE ROSSE, dopo  70anni hanno ancora paura del Fascismo e ancor più dei suoi Morti. Per questo com’è accaduto per altre nostre commemorazioni, anche per la commemorazione  dell’eccidio di Saccol di Valdobbiadene, abbaiando alla luna, gridano No a raduni Fascisti!

Un grido al vento considerata la loro bugiarda vigliaccheria. Insistono nel ripetere che si deve avere rispetto per tutti i morti, ma senza confusione dei ruoli, accusando proprio loro di tradimento i combattenti della R.S.I., pretendendo che il popolo italiano ricordi solo gli antitaliani che, senza alcuna divisa servivano (rimunerati) l’esercito straniero che, anche grazie alle loro servili segnalazioni bombardavano le nostre città, portando morte e distruzione.
Altro che liberatori. La nostra Patria di liberazione né ha visto una sola quella del 1918, quando, nonostante il vile comportamento dei socia-comunisti , se non tutte le ultime terre Italiane furono redente dallo straniero.

Le MERDE ROSSE, dicono di non voler  mettere sullo stesso piano chi combatté a fianco dell’invasore e chi affianco del vecchio alleato. Siamo  noi, Fascisti, che non scenderemo mai allo stesso livello di chi scelse di tradire, riportando sulla  nostra Patria le Basi dell’Esercito nemico, di cui come scritto l’Italia si era liberata nel 1918,  noi Fascisti avevamo e continuiamo a scegliere questa seconda Italia.  

Voi MERDE ROSSE tenetevi, la vostra finta libertà e artefatta democrazia, a noi Fascisti lasciateci ricordare i nostri morti. I morti che non hanno tradito.  

Per questo rinnoviamo l’invito a tutti i Camerati del Veneto di recarsi all’appuntamento  del 13 settembre 2015 alle ore 10,45 per la posa di un cippo in memoria dei civili e militari della Rsi trucidati dai Traditori a Saccol di Valdobbiadene.
Un'altra occasione per innalzare il grido Presente! E ricordare quanti  Militari o Civili; Uomini o Donne vennero massacrati dall’odio e dall’asservimento al nemico.

L’ELENCO  (INCOMPLETO) DEI CADUTI DI SACCOL  
1) ANTIRINI MARIA,  di anni
2) APRILE VITTORIO, di anni 23
3) BECCE RENATO,  di anni 32
4) BERNOCCHI GIOVANNI, di, anni 17
5) CASINI ADONE, di anni 22
6) DA RIVA GIUSEPPE, di anni 36
7) FALCO SEBASTIANO, di anni 56
8] FIMOGNARI NATALE, di anni 19
9) FRANCESCHI MARTINO, di anni 19
10) GIANNETTO GIUSEPPE, di anni 23
11) MAESTRINI SERGIO, di anni 23
12) MARCOLIN LUIGI, di anni 34
13) MARINA ALTEO, di anni 42
14) MORESCHI LUIGI, di anni 27
15) NICOLA ANTONIO, di anni 37
16) PELLEGRINI ANTONIO, di anni 29
17) ROMA AMELIA, di anni
18) RUBINATO VITTORIO, di anni 35
19) SCALISI ERASMO, di anni
20) VANOLI ELETTO, di anni 20

VERRA’ IL GIORNO CHE VI VENDICHEREMO!

Admin

Numero di messaggi : 776
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum