Palermo, 21 febbraio 2018: la vigliaccheria dello squadrismo anti-Fascista colpisce ancora.

Andare in basso

Palermo, 21 febbraio 2018: la vigliaccheria dello squadrismo anti-Fascista colpisce ancora.

Messaggio  Admin il Mer 21 Feb 2018, 22:14



Questa volta hanno colpito un essere inutile, il quale non si è saputo difendere.

Ora spetta a Noi, bruciare la tana con i topi dentro.

Dopo 99anni di accuse, sulla “violenza Fascista”, si scopre che questa presunta violenza viene attivata solo dopo aver subito vigliacche e feroci aggressioni da parte dei vili traditori rossi, i quali vantano da sempre la protezione di magistrati massoni o sionisti.

Il pestaggio di Massimo Ursino, dirigente provinciale di Forza Nuova, è la conseguenza delle divisioni d’area che vigliaccamente improbabili capi politici pretendono di mantenere in nome di un sempre più inutile personalismo.

Sono loro che permettono ai sorci rossi (anonimi) di vantarsi dell’attacco, rivendicandolo con una mail, inviata alle redazioni di alcune testate locali, con frasi che mai un tempo si sarebbero permessi utilizzare: “Chi afferma che esista una ‘minaccia fascista‘, a Palermo come in tutta la Sicilia, dovrà ricredersi: questi uomini di poco conto appartenenti a formazioni neofasciste, che fanno di razzismo e discriminazioni il loro manifesto politico nonché la costruzione della loro identità forte e battagliera, si sgretolano in men che non si dica sotto i colpi ben assestati dell’antifascismo“.

I sorci rossi affermano: "Che sul territorio palermitano esiste chi ripudia il fascismo e non ha timore di lottare per bloccarlo e schiacciarlo, a partire dai protagonisti del forzanovismo, guerrieri a parole, violenti nelle immagini, ma incapaci di proteggere la propria incolumità e di conquistare qualsiasi forma di potere politico.

Hanno ragione!

Forza Nuova Sicilia, si lamenta affermando, che quanto accaduto: "E' il risultato della grave campagna di odio scatenata dalle forze e dalla stampa di regime contro FN”.

Massimo Ursino è stato accerchiato, legato, mani e piedi, e picchiato nei pressi della centrala via Dante e Piazza Lolli, vicino via Villa Florio, dov’è ha sede di FN.

Questa aggressione ha dato un po di visibilità, allo spregevole Roberto Fiore, il quale si è subito premurato a chiamare alla mobilitazione il “suo popolo” annunciando una sua immediata venuta a Palermo.

Chi sa per far cosa?

Quanto accaduto il 21 febbraio c.a., è il risultato del l’assoluta incapacità di difesa dimostrata negli anni dai presunti Fascisti di FN, non basta il piagnisteo; è necessario reagire.
Proprio in questo mese ricorre anniversario degli attacchi incendiari avvenuti ai danni della sede palermitana di Forza Nuova. Ricordiamo anche: la recente irruzione armata ai danni della sede di un'associazione d'area; e il presidio armato di dieci individui sotto l’abitazione di un candidato di “Italia agli italiani” avvenuto due giorni fa.

Anziché dare fiducia alle indagini delle Forze di Polizia, i militanti Fascisti, con la massima precauzione, devono colpire, colpire duro. Nulla deve restare impunito!
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 977
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum