Migranti: aumentano i proclami mentre i traghettamenti continuano.

Andare in basso

Migranti: aumentano i proclami mentre i traghettamenti continuano.

Messaggio  Admin il Mer 20 Giu 2018, 23:59




Ad  8 giorni dal giuramento il Ministro degli Interni Matteo Salvini, ha dimostrato d'avere la lingua lunga e poco cervello.

L'aver bloccato i porti italiani a 629 migranti stipati a bordo dell'Aquarius è servito soltanto a portare discredito all'intero Popolo Italiano, non solo perché ha legittimato i socialisti e il loro debolissimo governo spagnolo, il quale in cerca di legittimazione si è premurato a dirsi disposto ad accoglierli ( pur aggiungendo che trascorsi 45 giorni i non aventi diritto all'asilo sarebbero stati respinti), ma per la bagarre che l'improvvisazione ha portato.
Il volto “umano” del governo italiano infatti non solo non ha trovato alcuna comprensione ma di fatto è stato coglionizzato, fattore che ha permesso alla ong Sos Mediterranee di  vantarsene su Twitter, scrivendo: <<-i rifornimenti di viveri e generi di prima necessità sono a bordo->>.
Infatti l'Aquarius è stato rifornito di tutto punto ed è costantemente in contatto con il Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo della Guardia Costiera di Roma (IMRCC), affinché  possa proseguire fino al porto spagnolo di Valencia, nel contempo dal suo carico Umano, gli sono stati sottratti di ben 500 unità, trasbordate su due navi italiane, una della Marina militare e una della della Guardia Costiera (la Dattilo) le quali unitamente all'Aquarius si dirigeranno verso Valencia.  

Il 9 giugno 2018, questo garbuglio ha permesso di far passare in sordina, lo sbarco  di 232 passeggeri traghettati nel porto di Reggio Calabria  dalla nave “Sea Watchs 3”, battente bandiera olandese ma in uso ad una ong tedesca, e  contemporaneamente altri 126 traghettati dalla nave tedesca “Seefuchs”, a Pozzallo (RG); mentre un'unità Sar Cp941 della Guardia Costiera italiana ne sbarcava nello stesso porto altri 109, portando nel mercato delle Coop cattoliche e di sinistra, ulteriori 467 assegni da incassare.      

Metre sempre più confuso il Ministro degli Interni, in una diretta facebook annuncia che non starà a guardare".  

La caccia al migranti – islamico - è un errore che i Fascisti non possono giustificare. Ricordando che dal 1935 fino al finire della seconda guerra mondiale, con l'intendo di isolare i traditori di religione ebraica, il Fascismo supporto tutte le nazioni di religione islamica, che si tennero lontani dal nemico anglo-americano.

Per questo in questi anni non abbiamo mai alzato la voce contro i migranti che giungono in Italia, ma contro il giro d'affari che essi producono per le cooperative rosse e cattoliche, le quali sono interessante più all'enorme giro di denaro che all'umana accoglienza.

Per quanto ci riguarda già nel 1980 Pino Rauti, denunciava gli errori delle false “democrazia” le quali in terra d'Africa andavano con aiuti da destinare ai potenti, in cambio dello sfruttamento delle risorse naturali, e mai al Popolo di quel ricco continente. Prevedendo la catastrofe della migrazione di massa.
 
Purtroppo,  è da quando Salvini è divenuto capo dei leghisti che annuncia ruspe e blocchi navali senza alcuna cognizione di causa, per questo arrivato, furtivamente, al governo della nostra Nazione si sta  dimostrando del tutto  incompetente ad affrontare in un modo serio questo ormai cronico problema.
Se si vuole fare sul serio si deve abolire la ricerca, dando seguito a quanto previsto dal codice del mare, il quale obbliga le imbarcazioni ad intervenire nel soccorso se si  incontrano unità natanti e ancor più esseri umani in difficoltà, non certo apposite unità di ricerca per salvataggi in mare.  
Noi di Liberapresenza, a partire del 9 di giugno (quando – come detto - sono  sbarcati i primi 467 traghettati dell'era dell'inconcludente leghista Salvini), segnaleremo settimanalmente gli arrivi dei traghettati dal Africa verso l'Italia.

13 giugno 2018: in mattinata arriva a Catania la nave “Diciotti” della Guardia Costiera,  con 937 migranti;


-      19 giugno 2018: nella notte arriva a Pozzallo (RG) la nave “Diciotti” della Guardia Costiera, con 519 migranti inclusi i 42 raccolti dalla nave militare americani “Treton”. Al padrone non si morde la mano si ci inchina nella assoluto silenzio;


- [/size]25 giugno 2018: nella notte arriva a Pozzallo (RG) la nave cargo (danese) Alexnder Maersk, la quale coordinata dalla Guardia Costiera italiana, aveva traghettato dal mare libico 118 migranti verso le nostre coste;
- 7 luglio 2018: nella notte arriva nel porto di  Messina (ME) la nave (dall’indubbio  nome ebraico) Samuel Beckett,  la  quale ha traghettato 106 migranti fino al porto siciliano;
- 16 luglio 2018: nella notte arrivano a Pozzallo (RG), una dopo l’altra, le navi Monte Sperone della Guardia di Finanza italiana e Protector di Frontex le quali in precedenza (in acque libiche) avevano trasbordato da un barcone  567 migranti. Un traghettamento sicuro ma confuso considerato che pochi giorni prima il Viminale ha autorizzo lo sbarco di appena 17 di loro, mentre tratteneva al largo le due imbarcazioni con i restanti 450. Sceneggiata di cui la maggioranza degli italiani sono stanchi considerato che, in un modo o in un altro i migranti arrivano  sempre nei porti italiani. [/justify]
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 980
Data d'iscrizione : 23.09.08

http://liberapresenza.forumattivo.eu

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum